Ish-á. Proyecto de Reciprocidad

 

Contacto | Enlaces de Interés | Políticas de Privacidad | Mapa del Sitio
 
Buscar:
Facebook Correo
Inicio | Noticias | Cursos | Artículos de interés | Agenda | Colaboradores | Alianzas Estratégicas | Comité Científico | Historia

 

Lettera Di Puebla (carta De Puebla 2011)



 

Studiosi di sei nazioni, riuniti a Puebla per il XII Incontro internazionale dei Centri di cultura “Genere e femminismo in prospettiva”, convocato dall’Un. Autonoma di Puebla (UPAEP),, facendo perno su una antropologia umanista che pone al centro la persona, si impegnano a:

 

- Approfondire la relazione uomo-donna, fondamento della famiglia, a partire dalla natura sessuata, nella convinzione che i modelli attribuiti ai due sessi possono variare nel tempo e nello spazio, ma la identità non è una costruzione culturale o sociale. Appartiene al modo specifico nel quale esiste la immagine di Dio.       

 

- Lavorare  con discernimento  per distinguere la  ideologia del genere dalla prospettiva della ottimizzazione delle relazioni tra uomini e donne; 

 

- Promuovere la realizzazione di incontri, corsi, iniziative, progetti che mettano al centro problematiche relazionali, nell’ottica della reciprocità e dalla corresponsabilità. Tra i possibili ambiti di ricerca: il sostegno alle famiglie favorendo l’unità coniugale, la procreazione e un migliore equilibrio tra mondo del lavoro e quello domestico, la legislazione sul lavoro nelle sue ricadute sulla donna e sull’uomo, la partecipazione sociale e politica di entrambi, la corresponsabilità del padre  e della madre, la sensibilizzazione dei mezzi di comunicazione sul tema, l’educazione dei ragazzi e dei giovani nella prospettiva della reciprocità;  

 

- Assumere il modello della “reciprocità nell’uguaglianza e nella differenza”, superando “la relazione di subordinazione e di complementarietà, così pure quella astratta dell’assoluta uguaglianza …» (G. Ravasi) 

 

- Far ascoltare la propria voce nei distinti luoghi (areopaghi) culturali e nell’ambito pubblico,  secondo le competenze proprie di ciascuno;

 

-  Generare sinergie che si trasformano in comunione di intenti  e in lavoro di rete.  

 

- Contribuire a una presenza cattolica aperta al dialogo con tutti, costruendo reti sociali e culturali, con uno spirito di servizio alla donne e agli uomini e alla “civiltà dell’amore”. 

 Noviembre 2011 - Puebla - México.

01/07/2013